cake

Dolci

La pasticceria che conosciamo oggi, ha iniziato a percorrere la sua strada attorno all’anno Mille, cioè quando a cominciato a diffondersi lo zucchero di canna importato dall’Asia Minore e dai crociati assieme a varie spezie e si è maggiormente sviluppata con l’estrazione dello zucchero dalle barbabietole da zucchero. Ed è li in pratica che cominciano a diventare popolari i nostri dolci quando appunto lo zucchero diventa più economico e maggiormente disponibile.

In questa pagina desidero parlare di dolci in generale, nel senso che mentre la parola più utilizzata nella loro accezione più stretta sono i dessert i quali prendendo nome dal termine francese desservir che significa “sparecchiare”.

È importante precisare che fino a qualche decennio fa, i dolci in genere erano riservati alle grandi occasioni e festività: Natale, Capodanno, Pasqua, onomastici, compleanni, nascite,ecc…

Iniziata l’era del benessere, nuove proposte nutrizionali, e una crescente produzione industriale sempre più ricca e creativa hanno diffuso a tutte le fasce sociali il consumo di dolci. Affermandosi così come piatti importanti con un buon valore nutritivo e vitaminico se composti con basi di frutta.
Così come si sono evoluti negli anni i modi di proporre i dolci anche i contenuti degli stessi stanno via via modificandosi. Le ricette sono riviste in modo che la presenza del burro o dello zucchero non sovrastino sugli altri ingredienti, e spesso per equilibrare più sapori si usa una salsa come fondo alla preparazione. E’ bene tenere presente che il dolce viene servito a fine pasto, quando l’appetito è ormai sopito: deve dunque essere una chiusura piacevole e leggera, non una “mazzata” di sapori e calorie.

CARATTERISTICHE E TIPI DI DOLCI

Il classico ” intermezzo” o”entremets” vale a dire il piatto che si serve tra l’arrosto e la frutta, può essere composto da una serie vastissima di dolci che possiamo tentare di raggruppare in caldi, freddi, al cucchiaio, torte, la piccola pasticceria, preparazioni a pasta lievitata.

” Le preparazioni “calde” sono normalmente caratterizzate da preparazioni di crema, a base di uova, latte ecc…Le più classiche sono la crème brûlé francese, il soufflé, la crema catalana.
” Le preparazioni “fredde” sono molteplici dai sorbetti, ai gelati, agli spumoni, semifreddi, torte gelato, ecc…

” Le preparazioni “al cucchiaio” sono le classiche preparazioni che comprendono le preparazioni sia calde che fredde e che vengono per la loro peculiarità mangiate solamente con il cucchiaio, esse comprendono altresì i budini, i creme caramelle, le gelatine di frutta ecc…

” Le torte: appartengono a questo tipo di preparazioni i classici pan di spagna ripieni crema, i vari diplomatici, le svariate millefoglie, le crostate, ecc…

” La piccola pasticceria rappresenta un’ ampia gamma di creazioni dolci cotte al forno e non, che presentano delle caratteristiche comuni che sono le piccole dimensioni e la perfetta realizzazione. Avremo così bignè in miniatura, piccoli cannoli di sfoglia, cigni mignon con panna montata ecc…

” Le preparazioni a pasta lievitata in queste preparazioni vengono normalmente comprese le brioches, i babà, le focacce, i panettoni, le colombe, e tutti i dolci che prevedono una lievitazione preliminare eseguita con il classico lievito di birra o simili.

Comments are closed.