tortel-di-patate

Tortel di Patate

Sbucciare le patate e grattugiarle. Aggiungere la farina e un pizzico di sale e amalgamare uniformemente; formate con questo composto dei cerchi di altezza di un centimetro e del diametro dai 10 ai 15 cm. friggeteli quindi in padella nell’ olio ben caldo avendo cura di rivoltare i tortei finché saranno ben dorati.

I tortei sono un piatto tipico della tradizione del Trentino la localizzazione della nascita va concentrarsi nella zona della Valle di Non. Molte sono le ricette alcuni prevedono anche l’aggiunta di uova, altri aggiungono il latte. A piacere possono essere cotti nel forno per rendere la ricetta meno pesante. L’accompagnamento ideale dei tortei de patate è con fagioli, salumi affettati, formaggi tipici e cappucci in insalata.

Ingredienti:
1 kg di patate50 gr di farina biancaSale q.b.Olio di arachidi 1/2 lt.
-Per 4/5 persone

– Tempo di preparazione: 40 min 

– Difficoltà: **
canederli

Canederli

Tagliate il pane raffermo dadini di circa 1/2 centimetro, aggiungete il latte, le uova sbattute con un pizzico di pepe e uno di sale e il trentingrana, mescolate per bene e lasciate riposare per un ora coprendo il tutto con un uno strofinaccio. Tagliate finemente lo speck e sbriciolate la luganega che unirete al pane ammorbidito, incorporando bene il tutto all’impasto di pane. Unite il prezzemolo tritato a piacere poca noce moscata, e, alla fine, cospargervi sopra la farina. Mescolate il tutto con per bene e con questo impasto formate i canederli che dovranno avere un diametro di circa 6-8 centimetri.
Per evitare che il composto si appiccichi troppo alle mani, infarinate le palline man mano che le preparate. 
Cuocete i canederli per almeno 10/12 minuti nel brodo a fuoco moderato facendoli sobbollire. In pratica al momento che vengono a galla fateli cuocere ancora uno o due minuti.
Serviteli in un buon brodo di carne oppure con burro fuso e salvia, e una generosa spolverata di trentingrana.

I canederli sono un piatto ricco nella sostanza e risparmioso per il costo esiguo delle materie prime che lo compongono. La provenienza è indubbiamente riconducibile alla Boemia (Repubblica Ceca). Inizialmente venivano preparati con il lardo di maiale, poi nacquero i canederli di magro impastati con solo avanzi di formaggio uniti al pane e alle uova, farina e prezzemolo. Di seguito sopratutto in Alto Adige i cosidetti Knodel vennero e vengono tutt’ora proposti in numerose varianti; con rape rosse, con fegato, alle prugne, ai funghi… A voi la scelta di provarli e inventarne di nuovi.

Ingredienti:
1 kg di pane bianco raffermo,50 gr di speck in un’unica fettaBurro (se vengono serviti al burro)90 g di trentingrana2 uova600 g di di latte300 g di luganeghe fresche (o pasta di lucanica o salamella)100 g di farina bianca (+ q.b. per rotolarvi i canederli)2 cucchiai di prezzemolo tritatoSaleNoce moscata 
-Per 10 persone

– Tempo di preparazione: 60 min 

– Difficoltà: ***