service-1303313_1920

Attrezzatura da cucina

Si sa, che per cucinare quando si è in campeggio basta avere un piccolo fornellino, un tagliere e un paio di pentole. Ma, se pensate di andare a vivere da soli/e dovete acquistare l’attrezzatura giusta per la vostra casetta leggete queste righe credo vi aiuteranno. A proposito può essere d’aiuto anche a chi desidera fare un regalo…Ma, mi raccomando usate la fantasia! Se regalate una padella per esempio, non incartatela, ma create voi stessi un piccolo mazzetto odoroso con cipollotti freschi e dei peperoncini che avrete cura di legare sopra il manico della padella stessa ottenendo così un effetto gradevole ma sopratutto originale.
L’attrezzatura di cucina per comodità possiamo dividerla in:

  1. Mestolame vario
  2. Utensili per la preparazione e conservazione
  3. Contenitori o recipienti per la cottura
  4. La coltelleria

Il mestolame

E’ composto di tutti gli oggetti che servono per mescolare, sbattere e amalgamare i cibi. Possono essere costruiti sia in materiale inox che in legno.
Ne fanno parte:
Fruste, mestoli di vario tipo e cucchiaioni, palette lisce o forate, diversi modelli di schiumarole, ecc…

Utensili per la preparazione e conservazione

Vi appartengono, tutti quegli oggetti che servono per la preparazione di salse, impasti, per scolare e filtrare, per misurare e dosare gli ingredienti. Possono essere costruiti sia in acciaio sia in plastica o vetro.
Ne fanno parte:
Bacinelle, colini di diverso tipo, setacci, taglieri vari, contenitori in plastica con coperchio, pennelli, spremiagrumi, pelapatate, spatole, apriscatole e apribottiglie, una bilancia, passaverdura ecc…

Contenitori per la cottura

Sono quei recipienti destinati ad essere riscaldati, vi appartengono, i tegami, padelle, casseruole, pentole, bistecchiere, tegamini per uova, pesciera, ecc…

tegame

pentola

casseruola

padella

La coltelleria

È un elemento fondamentale dell’attrezzatura di cucina. La forma e le dimensioni della lama, variano secondo l’utilizzo cui è destinato il coltello. Per comprenderne meglio l’impiego, possiamo dividerli in cinque tipologie diverse:

Coltelli per verdure e frutta:
Sono utili per diverse operazioni, affettare, sbucciare, tritare, la loro lunghezza varia secondo il tipo di verdura e di frutta da lavorare, le lame possono essere curve o dritte.


– Speluchino può essere sia a lama ricurva che diritta, è utilizzato per pelare e tornire frutta e verdura.
– Coltellino per giardiniera a lama ondulata, serve per dare una forma ondulata a determinati tipi di verdure.

Coltelli per carni crude o pesci:
I coltelli per carni o pesci devono avere la le caratteristiche per riuscire a tagliare comodamente a pezzi, disossare, sfilettare, spezzettare. Nello specifico i coltelli che fanno parte di questo gruppo sono:


– Coltello per filettare sogliole, rombi, o altri pesci piatti.
– Coltello per disossare carni da macello in genere “bouscher”.
– Coltello per polpa per affettare pezzi di carne.
– Coltello spaccaossa (in casa non è necessario averlo, anche perchè…non si sa mai!)


Coltelli per affettare:
Sono coltelli con lame lunghe e flessibili e si dividono in:


– Coltella liscia per tagliare prosciutti, salumi e carni cotte in genere.
– Coltella a alveolata per affettare il salmone o trote salmonate affumicate o marinate.


Coltelli per formaggi:
Presentano delle caratteristiche differenti, richiedono delle lame rigide per i formaggi duri o semiduri, mentre per i formaggi molli si utilizzano coltelli leggeri


– Il classico coltello a due punte per il formaggio.
-Il coltello per il formaggio grana.


Coltelleria e utensileria varia:
In questa categoria sono comprese particolari attrezzature che vengono utilizzate per specifiche operazioni che si possono organizzare in:


– Acciaino per ravvivare il filo ai coltelli
– Apriscatole
– Arricciaburro
– Batticarne
– Forchettone per girare gli arrosti
– Coltello per incidere le castagne
– Levatorsoli
– Rotella tagliapasta
– Scavino tondo
– Schiacciapatate
– trinciapollo
– tagliaverdure “mandoline”

Comments are closed.